Archivio

Archive for luglio 2012

Rita Atria vent’anni fa

26 luglio 2012 1 commento

Una data che non posso dimenticare,  un fatto che continua a procurare dolore nel restare vivo nella mente. Rita, una vita spezzata per la  ricerca della verità e giustizia,  poi la disperazione e la solitudine. Una tragedia italiana.

Rita Atria nasce da una famiglia mafiosa. A undici anni perde il padre Vito, mafioso della famiglia di Partanna, ucciso da Cosa Nostra. Alla morte del padre, Rita si lega ancora di più al fratello Nicola ed alla cognata. Da Nicola, anch’egli mafioso, Rita raccoglie le più intime confidenze sugli affari della mafia. Nicola Atria ( 1991) verrà ucciso dalla mafia. Sua moglie Piera Aiello decide dunque di collaborare con la giustizia.

Rita Atria, a soli 17 anni, decide anche lei di seguire la giustizia. Il primo a raccogliere le sue rivelazioni fu Paolo Borsellino al quale si legò come ad un padre. Le deposizioni di Rita e di Piera, unitamente ad altre deposizioni hanno permesso di arrestare diversi mafiosi.

Una settimana dopo la morte di Paolo Borsellino, Rita Atria si uccise a Roma, dove viveva in segreto, lanciandosi dal settimo piano.

Annunci
Categorie:Uncategorized

Un’altra variazione

Abbiamo sentito dire tante volte , l’estate impazza, ma questa stagione  mi appare  come l’estate che fa impazzire. Tanti sono gli argomenti neri che ci circondano e che purtroppo non possiamo fare a meno di viverli  perché anche se non siamo direttamente coinvolti  ci prendono di riflesso. Ma ho fatto uno sforzo : non ho fatto nessun post in questi giorni, meglio evitare ogni parola che ricordi cose  negative.  Ieri dopo aver dato per tutto il giorno  l’impregnante agli infissi di casa mi sono seduto al mio pianoforte verticale, un Grotrian Steinweg del 1911, e ho suonato per me,  Gioco di bimba. Scorrendo sui tasti le dita ritrovavano piano , piano la giusta articolazione e la memoria rimetteva con soddisfazione ogni nota al suo posto, dando la  stessa sensazione di quando si incontra inaspettatamente degli amici che non vedevi da tanto tempo.

Che bello, mi ricordavo tutto e dopo aver ripassato i passaggi più scomodi ho provato ad esplorare altri suoni e con grande sorpresa ho trovato una nuova variazione. Non vedo l’ora di farvela sentire.

Categorie:Uncategorized