Home > Uncategorized > Da capitan Nemo

Da capitan Nemo

La nuova formazione trovò subito una forte intesa e dopo il movimentato , ma divertentissimo tour Rock Spray pensammo di incidere il disco a Londra. Era un momento molto particolare, la band andava fortissimo ci sentivamo sicuri del fatto nostro grazie anche allo slancio dato dal singolo  Canzone d’amore che stava salendo le classifiche. Questa canzone, incisa con Reverberi,  mi diede poi la forza di tentare di fare una scelta pericolosa.  GianPiero era molto legato a noi e noi a lui, il suo prezioso  lavoro è stato sempre apprezzatissimo ma ogni qualvolta che tornavamo  in studio di registrazione io perdevo sempre più terreno. La sua preparazione  e le sue  spiccate qualità di concertista  mi facevano sentire inutile. I problemi dei costi degli studi non permettevano tante sperimentazioni e nemmeno la licenza di sbagliare le parti che si dovevano registrare. Cosa che io facevo puntualmente , mentre il maestro quando interveniva  alle tastiere registrava  le parti perfettamente  e  sempre alla prima! Immaginate perciò un tipo molto emotivo ed insicuro come me registrare con Aldo, Michi, Reverberi che aspettano dietro il vetro alla consolle e la voce paziente e calma del tecnico che ripete : “ Contrappunti , 18 esima, partito! “

Un incubo ragazzi, per me era un vero incubo! E poi io mi sentivo in colpa e anche se mi mettevo in disparte per il bene del gruppo questa cosa continuava a tormentarmi. Perciò avevo bisogno di superare questo complesso , mi ero messo in testa che lo dovevo ai fan , alla casa discografica ed ai miei stessi colleghi . Era arrivato al punto che l’apporto  GianPiero mi metteva talmente  soggezzione da bloccarmi totalmente.  Rimpiangevo  i tempi dei solo di Collage e Felona e Sorona dove le cose erano più equilibrate . Fortunatamente Aldo e Michi  capirono la mia esigenza e mi assecondarono,  chiesi  perciò il permesso al direttore della PHILIPS e poi scrissi una lettera a GianPiero. La cosa si risolse subito con la loro decisione di farci registrare da soli, per la prima volta senza il produttore artistico, al NEMO studio di Londra di Vangelis . Non so se sia stata una coincidenza, ma probabilmente il fatto di andare a registrare sotto il tetto di uno dei più apprezzati tastieristi dava maggior tranquillità a tutti. Meno che a me! Che mi sentivo passare dalla padella alla brace. ..continua

Annunci
Categorie:Uncategorized
  1. Marcel
    17 settembre 2012 alle 10:40 PM

    Caro Tony, è fantastico leggere questi tuoi ricordi! All’epoca cercavo di scoprirli sul Ciao 2001 o su Music, adesso, mai sopiti, ritornano prepotenti e curiosi come allora.
    Grazie!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: